domenica 11 gennaio 2009

Letture & Visure

Ho finalmente ritirato dall'edicola il numero di dicembre di PRIMA e ci ho trovato un bell'inserto sulla moda italiana (storia&gloria del nostro settore creativo per eccellenza) davvero interessante anche per un ignorante sul tema come me; tra l'altro si tratta di un'inserto sponsorizzato dalla Camera della Moda Italiana per il suo 50imo, quindi una bella operazione di comunicazione/pr del nostro settore Fashion.


Ma su PRIMA ci ho trovato anche una sintesi di "In che senso" di Toni e Fabio. Una bella sorpresa considerato che lo sto aspettando dalle Poste Italiane da ormai due mesi (l'ultima scusa dei ritardi clamorosi è fantastica: il postino è in vacanza!). Quindi un numero dicembrino di PRIMA da avere solo per gli inserti.

Credo che "In che senso" sia da guardare soprattutto per gli spunti di riflessione che può e deve provocarci sui vari temi che affronta; non è un manuale (se qualcuno si aspettava un manuale) manuali che in fondo - come poi ha già sostenuto il ben più insigne collega Pignatti - non servono; ce ne sono abbastanza.
Soprattutto ai PROs servono spunti per mettere in moto creatività & intelligence, quel caro gulliver che a volta sembra lasciamo sottovuoto.