martedì 28 luglio 2009

Urbanscape & PR agencies. Bologna in cambiamento

La città è costituita di nodi nevralgici, hub dove si concentrano flussi di potere, informazione e denaro che danno forma al paesaggio urbano. Ma la città cambia e i flussi si spostano determinando cambiamenti nell'urbanscape. Le agenzie di PR, in particolare quelle di public affairs e media relations, tendono a concentrarsi attorno a questi punti focali della città. In questo senso mi piacerebbe costruire mappe delle città italiane individuando le zone dove si concentrano i nostri colleghi.
Parto da Bologna che sta vivendo - a dispetto della pubblica opinione - una fase di mutazione importante, probabilmente fondamentale.
Un tempo la direttrice del potere, dell'informazione e del denaro era concentrata dentro i viali tra Palazzo d'Accursi, via Indipendenza e via Zanardi tracciando un triangolo che teneva insieme il Comune, la Diocesi, la Carisbo e l'Università.
Negli anni la maggiore importanza assunta dal polo Fiera-Regione-Unipol, la delocalizzazione Universitaria, la dispersione dei media, la smaterializzazione dell'informazione, ha frantumato in mille anfratti le direttrici, fino a ricostituire oggi una nuova direttrice che trasforma e sbilancia Bologna tutta sulla Bolognina: Fiera-Regione-Unipol, sempre più importanti su un angolo, la nascitura Stazione dell'Alta Velocità sull'altro e la nuova sede del Comune a pochi metri, spostano l'antico triangolo tutto sull'ex-periferia bolognese.
Ed è lì che se fossi un PR bolognese mi andrei a fare lo studio. Probabilmente in piazza dell'Unità: a 200 metri da ognuno di questi punti di interesse vicino ai flussi di potere, denaro e informazione.