lunedì 26 ottobre 2009

Sergio Vazzoler. Comunicatore Jazz

50 volti della Comunicazione
50 autoritratti contemporanei

Probabilmente faccio questo lavoro per rispondere a una necessità intima: l’atavica fame di condivisione…
Soltanto un paio di righe per “incorniciare” il mio percorso: ho vissuto un’adolescenza troppo chiusa e riflessiva, troppo seria, anzi seriosa… è stato il dazio che mi sono autoimposto per elaborare il lutto di una perdita ingombrante in età fanciullesca.
Da qui la successiva corsa contro il tempo per liberarmi in fretta dai fardelli dell’autolimitazione e recuperare così gli slanci verso il mondo esterno; è qui che s’inserisce la scelta della comunicazione come ambito di studio, prima, e di professione, poi.

E quindi eccomi qua, poco più di un decennio di lavoro alle spalle nell’area della comunicazione politica, pubblica e istituzionale. Un’area di “nicchia” come si suol dire… per me, più che altro, il “luogo” ideale per distinguere gli abbagli dell’uniformità mediatica dalle mille sfumature dell’identità di persone e organizzazioni, pubbliche o private che siano.
Il mio approccio alla professione – a cui tengo molto – è quello del consigliere del principe, senza alcuna ambizione o tentazione a sostituirmi al principe medesimo (tendenza assai in voga tra molti colleghi…): mi piace lavorare a fianco delle persone, stabilire un rapporto caldo e di fiducia… è in questo modo che si riesce più facilmente a incidere con la comunicazione…
Nella dicotomia celentanesca, sono più “lento” che “rock”… che, poi, nell’approccio professionale si traduce nell’attribuire una fondamentale importanza all’ascolto, restando convinto che la comunicazione diventa efficace e utile soltanto se nasce dall’ascolto strutturato.
Tirando le somme e concludendo il giochino, potrei definirmi un comunicatore "jazz".

Contatto vazzoler at hotmail.com