giovedì 20 gennaio 2011

Semo tutti Toscani... Oliviero o d'Etruria?

Scherzando con il mio collega, dopo una riunione con un cliente sul fatto che tutti fossero comunicatori, anzi esperti in segmenti di comunicazione, ho realizzato che il ruolo strategico delle Relazioni Pubbliche nell'organizzazione complessa è principalmente educativo e manageriale non può che dar per scontato ciò.
Anzi il consulente (interno o esterno) deve favorire un atteggiamento comunicativo dell'azienda investendo ogni singolo dipendente, dirigente, collaboratore dell'azienda, di una responsabilità comunicativa e incoraggiandone un'attività consapevole. In fondo è ciò che viene anche delineato negli Stockholm Accords, negli studi più recenti sulla organizzazione comunicativa, ecc. ecc.