sabato 5 novembre 2011

Giorni di Storia

Ci sono giorni speciali. Il 2, 3 e 4 Novembre 2011 credo passeranno alla storia per il nostro paese:
  • Mario Draghi che si insedia come direttore BCE (leggi la Buona Stampa di SuperMario);
  • l'Italia viene commissariata definitivamente da FMI e UE;
  • Santoro sperimenta un nuovo modo di fare TV (e arriva ad un fantomatico 12% di share).
Cos'hanno in comune questi eventi? Dal punto di vista di chi si occupa di comunicazione, leggendo quindi questi eventi semiologicamente è un po' il drammatico finale di un'epoca, il 24 luglio del nostro ventennio postmoderno. 
Le ultime ore, buffonesche, grottesche e masochiste del nostro Premier, sono il definitivo tramonto di un'immagine di un'Italia che non regge la fiducia perché ha perso completamente credibilità come classe dirigente politiche. Dall'altra parte, per fortuna, la figura di Draghi e la sostanza di una parte del nostro paese (apprezzato ovunque) mantengono in piedi la reputazione di un'altra Italia che FMI, BCE, UE, sanno che esiste e che può farcela. Con un aiutino...
Santoro al di là di ogni considerazione sul personaggio - troppo ingombrante per non suscitare veraci antipatie o simpatie in tutti noi - e il suo staff inventano un nuovo modo di "far televisione", sperimentandolo e forse solo mixando i media  e non del tutto i linguaggi... tuttavia Santoro fa un'operazione politica decisiva: il Re è Nudo. Chi crede alla vecchia TV è trapassato. Remoto.
Possiamo tornare a essere orgogliosi di questo paese, zoppo stivale d'Europa? Come relatori pubblici abbiamo sicuramente l'opportunità e il dovere di recuperare Reputazione per l'azienda, il settore, il territorio per cui lavora.